[17/06/20]

Il legislatore differisce di un anno la sola comunicazione degli atti

a cura di Laura Ambrosi

Pubblicato su Guida al Diritto, de Il Sole 24 ore, n. 27 del 20 giugno 2020

* * *

Il decreto Rilancio ha risolto anche la spiacevole questione che si era creata in merito ai termini di decadenza.

L’articolo 157 del Dl 34/2020, ha prorogato di un solo anno la notifica degli atti con scadenza naturale nel periodo compreso tra l’8 marzo e il 31 dicembre 2020.

Più precisamente è previsto che, in deroga alla legge 212/2000 (ossia lo Statuto del contribuente) gli atti di accertamento, contestazione, irrogazione sanzioni, recupero crediti imposta, liquidazione e rettifica, per i quali i termini di decadenza scadono tra l’8 marzo e il 31 dicembre 2020, sono emessi entro fine anno, ma notificati nel 2021, salvo casi di indifferibilità e urgenza. Sono le ipotesi di violazioni costituenti reato o per le quali è ravvisato il pericolo di riscossione.

È sicuramente singolare la scelta di differire di un anno solo la notifica degli atti, mentre l’emissione deve avvenire entro il 2020. A tal fine, la norma prevede espressamente che l’elaborazione o l’emissione sarà provata anche dalla data di elaborazione risultante dai sistemi informativi dell’Agenzia, compresi i sistemi di gestione documentale. Si tratta di informazioni presumibilmente riscontrabili attraverso un accesso agli atti, salvo che gli uffici non decidano di allegare tali dati agli atti notificati.

Continua la lettura



Indietro