[21/07/20]

Per i debiti "colpa" dell’amministratore senza automatismi

a cura di Laura Ambrosi

Pubblicato su Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, Norme e Tributi Plus, del 21 luglio 2020

* * *

Non sussiste un’automatica responsabilità solidale dell’amministratore nei debiti della società, poiché è necessaria la prova che ha utilizzato impropriamente le disponibilità.

Lo afferma la Corte di cassazione con l’ordinanza 15377.

L’Agenzia delle entrate notificava all’amministratore di una società una cartella di pagamento derivante da un avviso di accertamento emesso nei confronti solo dell'ente.
Con il provvedimento erano pretesi dall’amministratore debiti tributari della società, nel presupposto che egli fosse un “coobbligato in solido”.
La cartella veniva impugnata dinanzi al giudice tributario che, per entrambi i gradi di merito, confermava la legittimità della pretesa.

Il Sole 24 Ore – Norme e Tributi  21 07 2020
Norme e Tributi Plus 21 07 2020



Indietro