[03/06/21]

Si stringono gli spazi della presunzione di distribuzione ai soci

a cura di Laura Ambrosi

Pubblicato su Il Sole 24 Ore - Norme e Tributi, Norme & Tributi Plus Fisco, del 3 giugno 2021

* * *

I costi realmente sostenuti, ma ritenuti non deducibili per le più svariate ragioni in capo ad una srl, non possono generare un maggior reddito in capo ai soci, non potendosi applicare la presunzione di percezione occulta di dividendi in presenza di ristretta base partecipativa. A fornire questa interessante precisazione è la Ctp Reggio Emilia con la sentenza n. 133/2021 (presidente e relatore Montanari) che approfondisce le ragioni per le quali non condivide le conclusioni di segno contrario di alcune recenti pronunce della Suprema Corte.

La questione affrontata è nota e frequente: l’ufficio contesta costi indeducibili in capo a una srl a ristretta base partecipativa e, in automatico, rettifica anche maggior reddito ai fini Irpef ai singoli soci nel presupposto che aumentando la base imponibile della società, i soci abbiano percepito ulteriore reddito rispetto a quello dichiarato.

Il Sole 24 Ore – Norme & Tributi 03 06 2021
Norme & Tributi Plus Fisco 03 06 2021



Indietro